Istruzioni per il pagamento dei diritti di iscrizione

Si ricorda che le attività di recupero sono ammesse alle procedure semplificate purché siano effettuate nello stretto rispetto delle leggi urbanistiche, di quanto previsto dagli articoli 214 e 216 del D.Lgs. 152/06 e purché siano previste e condotte nel rispetto di quanto stabilito dal D.M. 5 febbraio 1998 e s.m.i.

Il perfezionamento dell’iscrizione è subordinato al versamento dei diritti di iscrizione previsti dal Decreto Interministeriale n. 350 del 21 luglio 1998, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 238 del 12 ottobre 1998, così come prescritto dalla DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 597 del 26.02.2009.
Il pagamento annuale va effettuato entro il 30 aprile di ogni anno, sul

c/c n° 10721611 - IBAN IT06L0760113300000010721611 

intestato all'Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino, pena la sospensione dell’iscrizione e, quindi, l’immediato divieto di proseguire l’attività, per la violazione prevista e punita dal Titolo VI, Capo I del D.L.gs. 152/06 e s.m.i.
Nel caso in cui il quantitativo di rifiuti effettivamente sottoposto a recupero nell’anno superi quello dichiarato determinando l’inclusione di Codesta Ditta in una classe superiore a quella per cui è stata iscritta, dovrà essere effettuato, entro il 30 aprile dell’anno successivo, un versamento integrativo di quello già effettuato per portare la quota versata a quella prevista per la classe di effettiva appartenenza e versare, per l’anno in corso, la quota corrispondente alla nuova classe e non a quella per cui era stata iscritta originariamente.
Nella causale di versamento andranno indicati la denominazione e la sede legale del richiedente, l'attività per la quale è stata effettuata la comunicazione e la relativa classe, infine la partita IVA o il codice fiscale. (Vedi esempio a piè di pagina).
Si ricorda inoltre che in caso di attività effettuate dalla stessa società in diverse sedi della provincia, per ogni sede interessata dovrà essere effettuato un diverso versamento ed una diversa comunicazione.
NB: Schema da riportare nella causale di versamento:

Diritto d'iscrizione art. 216 D.Lgsl. 152/06
Denominazione .............................................................
Sede Legale ..................................................................
.......................................................................................
Attività ........................................................Classe........
Partita IVA o C.F. ...........................................................
Versamento relativo all'anno ........................................
Numero di iscrizione …………………………………...........

Classi di cui al D.M. n. 350 del 21.07.1998

Classe di attività 1

  • Quantità annua di rifiuti superiore o uguale a 200.000 tonnellate
  • Autosmaltimento € 1.032,91
  • Recupero € 774,69;

Classe di attività 2

  • Quantità annua di rifiuti superiore o uguale a 60.000 t. e inferiore a 200.000 t.
  • Autosmaltimento € 619,75
  • Recupero € 490,63;

Classe di attività 3

  • Quantità annua di rifiuti superiore o uguale a 15.000 t. e inferiore a 60.000 t. 
  • Autosmaltimento € 464,81
  • Recupero € 387,34;

Classe di attività 4

  • Quantità annua di rifiuti superiore o uguale a 6.000 t. e inferiore a 15.000 t.
  • Autosmaltimento € 361,52
  • Recupero € 258,23;

 Classe di attività 5

  • Quantità annua di rifiuti superiore o uguale a 3.000 t. e inferiore a 6.000 t.
  • Autosmaltimento € 154,94
  • Recupero € 103,29;

 Classe di attività 6

  • Quantità annua di rifiuti Inferiore a 3.000 t.
  • Autosmaltimento € 77,47
  • Recupero € 51,65.
torna all'inizio del contenuto