Canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche

(art. 63 D. Lgs. 15/12/1997, n. 446)

Sono soggette al Canone le occupazioni/usi di qualsiasi natura, effettuate – anche senza titolo – nelle strade e comunque sui beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile della Provincia.
Sono soggette a detto Canone le occupazioni di spazi soprastanti o sottostanti il suolo pubblico, nonché l’occupazione effettuata tramite l’installazione di impianti pubblicitari e segnaletici. Il medesimo Canone si applica alla occupazioni realizzate su tratti di aree private sulle quali risulta costituita, ai sensi di legge, la servitù di pubblico passaggio.
Ai sensi dell’art. 53, c. 7 del D.P.R. 16/12/1992, n. 495, è altresì istituto un Canone annuale a titolo di corrispettivo per il rilascio del provvedimento di competenza per l’installazione di impianti pubblicitari e segnaletici fuori dalle aree del patrimonio indisponibile e del demanio, ma comunque lungo le fasce di rispetto delle strade provinciali, qualora i messaggi riportati abbiano finalità commerciale, consentendo all’utente di prevedere un beneficio economico. L’annualità compete anche per gli impianti per i quali sono in corso le procedure di rinnovo. Il corrispettivo verrà rimborsato qualora il provvedimento autorizzativo non sarà rilasciato.
Dall'anno 2019 Il termine per il pagamento annuale è fissato per il 31 marzo, ad eccezione dei soggetti che beneficiano del calcolo forfetario (ex. Art. 18 Legge n.488/1999) per le occupazioni con cavi, condutture ed impianti finalizzate all’erogazione di pubblici servizio ad attività ad esse strumentali per i quali è prevista la scadenza del 30 aprile.

Le scadenze delle tre rate mensili, nel caso di rateizzazione del canone, sono fissate per settembre, ottobre e novembre dell'anno di riferimento.


Le tariffe sono indicate nell’art. 28 del Regolamento al quale si rimanda, in particolare, anche per le esclusioni (art. 30), le modalità di versamento (art. 31), le procedure di riscossione coattiva e i rimborsi (art. 32), le sanzioni (art. 33).

Il pagamento dovrà essere effettuato utilizzando gli appositi bollettini premarcati inviati annualmente dalla Provincia, ovvero, in caso di smarrimenti, errori, manomissioni, utilizzando bollettini postali reperibili presso gli uffici postali o presso l’Ufficio Tributi della Provincia, avendo cura di inserire i dati identificativi del soggetto tenuto al pagamento (dati anagrafici, codice contribuente, dati concessione/posizione), e riportando la seguente dicitura:


Accessi ed occupazioni in genere: c/c 11104619 intestato a Provincia di Pesaro Urbino – Servizio   Tesoreria - COSAP

IBAN: IT 53 K 07601 13300 000011104619

Impiantistica pubblicitaria:           c/c 11569613 intestato a Provincia di Pesaro Urbino – Servizio Tesoreria – Canone cartelli  

IBAN: IT 18 J 07601 13300 000011569613

Spese di istruttoria: c/c 10282614 intestato a Provincia di Pesaro e Urbino - spese istruttoria - Ufficio Concessioni

IBAN: IT 18 N 07601 13300 000010282614
 
Dall'anno 2012 è possibile effettuare il pagamento a mezzo bonifico bancario  sui suddetti conti correnti postali, ovvero utilizzando la modalità di pagamento on-line accedendo nell'apposita sezione di questo sito, utilizzando carta di credito (accesso al servizio).

L' eventuale delibera annuale che modifica o conferma le tariffe/aliquote viene inviata al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dip. Politiche Fiscali – Uff. federalismo fiscale /Reparto VI, al quale viene richiesta contestualmente la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
 

Accorpamento Comuni dell'Alta Valmarecchia alla Provincia di Rimini

A seguito dell'entrata in vigore della Legge 117/2009 e sulla base del Protocollo d'Intesa firmato tra le Province di Pesaro e Rimini, dal 01/01/2010 il canone per le opere ricadenti nei Comuni trasferiti è di competenza della Provincia di Rimini.

Elenco Comuni e Strade Provinciali trasferiti a Rimini  [pdf - 6 KB]
Elenco dei Comuni e delle Strade Provinciali trasferiti alla Provincia di Rimini
 
Delibera G.P. n.40/2012  [pdf - 165 KB]
Determinazione nuove tariffe Cosap e Canone impianti pubblicitari dall'anno 2012
 
torna all'inizio del contenuto