Comunicati stampa | Dalla Provincia
venerdì, 21 novembre 2003
Origine: Informazione e stampa -  Autore: m.b

«Valmarecchia, più sicurezza per la viabilità»

Novafeltria, gli interventi della Provincia illustrati ai cittadini durante l’assemblea al Teatro sociale

Sarà inaugurata il 4 dicembre la rotatoria di Secchiano. È uno degli interventi più recenti realizzati dalla Provincia per rendere sicura e scorrevole la viabilità in Valmarecchia, una manciata di comuni ai confini con la Romagna attraversati dalla super trafficata arteria 258 che ogni giorno è percorsa dai 6.000 agli 8.000 veicoli. I collegamenti stradali e le infrastrutture sono stati tra i temi principali del confronto tra cittadini e amministratori locali, da una parte, e il presidente Palmiro Ucchielli e la sua giunta provinciale (erano presenti gli assessori Borgiani, Cecconi, Gambini, Ricci), dall’altra, che si è svolto giovedì sera al Teatro sociale. Slogan dell’assemblea “Una Provincia europea di qualità. La Provincia di Pesaro e Urbino a confronto”, terza puntata del tour dell’Amministrazione di viale Gramsci per illustrare le “cose fatte”, ma soprattutto per ascoltare bisogni ed esigenze della gente.

E la voce della Valmarecchia si è levata attraverso gli interventi del sindaco di Novafeltria Gabriele Berardi, del presidente della comunità montana Rolando Rossi e dei numerosi cittadini che hanno preso il microfono per dire la loro.

«Senza riequilibrio tra costa e aree interne non ci può essere sviluppo sostenibile - ha esordito Berardi - Per continuare a vivere qui abbiamo bisogno di infrastrutture e servizi per superare l’isolamento. Al primo posto c’è il problema della sanità, non dobbiamo mai perdere di vista la qualità e continuare a ragionare soltanto in termini di risparmi. Alla Provincia chiediamo garanzie che i presìdi sanitari, ridotti ormai al minimo vitale, non vengano toccati». E poi la viabilità, «il vero nodo da sciogliere».

«Perché la montagna continui a essere abitata e perché non diventi un museo inanimato abbiamo bisogno di posti di lavoro vicino a casa e di un sistema di sicurezza sociale per tutti i cittadini - ha fatto notare Rolando Rossi - Tra le esigenze ci sono anche le infrastrutture di comunicazione, il cablaggio del territorio e una rete adeguata per la telefonia mobile: se non si fanno investimenti in questa direzione c’è il rischio dell’arretramento tecnologico».

La parola quindi alla Provincia con il presidente Palmiro Ucchielli che, accompagnato dalle diapositive che correvano sullo sfondo del palcoscenico, ha attraversato in lungo e in largo gli interventi realizzati, i progetti attuati, le opere in corso, le strategie future, toccando tutti i settori e annunciando per esempio un piano sanitario, da presentare alla Regione, un piano agricolo e un piano energetico provinciale. «Il nostro progetto della Provincia europea di qualità - ha precisato - passa attraverso la sprovincializzazione e la valorizzazione delle risorse delle aree interne».

L’assessore ai lavori pubblici Mirco Ricci ha quindi tracciato un bilancio della manutenzione ordinaria e straordinaria della viabilità della vallata: «È stato fatto un grande passo avanti per ammodernare i collegamenti della Valmarecchia rendendoli più sicuri. Molto ancora c’è da fare. Del resto l’opera richiede finanziamenti talmente consistenti che vanno ricercati al di fuori delle nostre risorse. Nonostante questo, la progettazione preliminare è stata realizzata e gli interventi sono stati attuati comunque. Presto sarà inaugurata per esempio la nuova rotatoria di Secchiano».

Tra i temi toccati anche quello del lavoro e dell’occupazione con l’intervento dell’assessore Gloriana Gambini che ha risposto a un cittadino sulla vertenza dei dipendenti della Sicit di Pennabilli: «Su questo punto la Provincia è molto presente e pressante rispetto agli impegni presi dalla proprietà per la riassunzione di 30 dei 50 addetti, per gli altri si stanno valutando le professionalità. Faremo tutto il possibile per garantire occupazione ai lavoratori».

Infine le scuole con la valorizzazione degli istituti superiori, al centro dell’intervento dell’assessore Roberto Borgiani: «La Provincia si è molto impegnata su questo fronte, è stato progettato l’ampliamento della Einaudi, 2.500 metri quadrati in più a disposizione di alunni e insegnanti».

Un confronto ricco e stimolante che si è protratto fino a tarda sera.

 

 

 

 

torna all'inizio del contenuto