Comunicati stampa | Dalla Provincia

sabato, 25 maggio 2002
Origine: Informazione e stampa -  Autore: m.b

Tre Comuni per il rilancio del turismo

Presentate a Tavullia le linee guida del Piano triennale di sviluppo ecosostenibile della Provincia

TAVULLIA. Tre comuni al centro delle strategie della Provincia per il rilancio del turismo e la valorizzazione delle bellezze culturali e ambientali. Gabicce Mare, Gradara e Tavullia: tre capitoli del “Piano triennale di sviluppo ecosostenibile” che venerdì sera ha fatto tappa, nel suo itinerario di “ascolto” del territorio, nella sala del consiglio comunale di Tavullia, gremita da un centinaio di cittadini, amministratori della zona, rappresentati del mondo produttivo.

Il presidente Palmiro Ucchielli, la giunta provinciale e i tecnici (l’ingegner Mauro Moretti e l’architetto Stefano Gattoni) hanno illustrato le linee guida del nuovo strumento di programmazione che sarà approvato a luglio, dopo la lunga fase di consultazioni tra la gente e le forze economiche e sociali. Insieme al sindaco di Tavullia Giancarlo Borra, che ha fatto gli onori di casa, i primi cittadini di Gabicce Mare, Domenico Pretelli, e di Gradara, Sandro Sorbini, insieme alle rispettive giunte comunali.

Lo staff della Provincia ha indicato tra gli obiettivi a breve termine, i cosiddetti pivot, del Piano di sviluppo la valorizzazione delle “eccellenze” di Gabicce, Bandiera blu d’Europa, e di Gradara, culla di beni culturali di inestimabile valore storico e artistico. «Vogliamo promuovere un nuovo tipo di turismo, che noi abbiamo battezzato “turismo tutto l’anno” - hanno sottolineato gli amministratori provinciali - che valorizzi non solo il mare, ma anche la natura, la storia, gli eventi, la enogastronomia».

Per rispondere a una sollecitazione partita dal sindaco Borra («bisogna puntare sul rilancio del trasporto pubblico contro i mali del traffico e dell’inquinamento»), il presidente Ucchielli ha fatto notare che «il Piano di sviluppo comprende il progetto di razionalizzazione della mobilità su tutto il territorio, per valorizzare il trasporto pubblico attraverso corsie preferenziali e ottimizzando i percorsi in base alle esigenze della popolazione».

 

torna all'inizio del contenuto