Comunicati stampa | Dalla Provincia
mercoledì, 28 settembre 2005
Origine: Informazione e stampa -  Autore: m.b.

Spac, sei incisori per rileggere Volponi

A Urbania una mostra di artisti marchigiani che hanno legato il loro segno allo scrittore urbinate

URBANIA. “Incisori contemporanei delle Marche per la rivista Istmi” è la mostra in programma a Urbania nella sala Montefeltro di palazzo Ducale dal 1° al 15 ottobre. Un nuovo tassello di “Segnali d’arte”, la rassegna itinerante proposta quest’anno dallo Spac, il Sistema provinciale di arte contemporanea realizzato dall’assessorato alle attività culturali della Provincia per coordinare e valorizzare l’attività dei centri espositivi disseminati nel territorio.

Quello di Urbania sarà un percorso nell’incisione marchigiana con le opere di Arnaldo Battistoni, Renato Bruscaglia, Arnoldo Ciarrocchi, Mario Logli, Enrico Ricci, Edgardo Travaglini. Sei artisti a vario titolo legati allo scrittore urbinate Paolo Volponi, al quale la rivista letteraria Istmi dedica quest’anno una monografia in occasione del decennale della scomparsa. Un legame di amicizia e un comune clima intellettuale che ha animato le ricerche espressive.

Diretta da Eugenio De Signoribus ed edita dalla Biblioteca comunale di Urbania, Istmi ha tra i suoi collaboratori gli artisti marchigiani che operano, in prevalenza, nel campo della calcografia. Ogni numero della rivista è arricchito da stampe di piccolo formato che commentano la scrittura evocando suggestioni poetiche. E dal 1996 a oggi la Biblioteca ha raccolto una vera e propria collezione di opere di numerosi artisti, accrescendo così la sezione di grafica contemporanea.

Le mostre collegate alla collezione Istmi, pur dedicate principalmente alle stampe, conservano il loro legame con la letteratura, quindi l’allestimento di Urbania sarà curato in maniera da mettere in evidenza il rapporto tra incisione e scrittura.

 

Inaugurazione: sabato 1° ottobre ore 18

Interventi: Eugenio De Signoribus, Enrico Capodaglio, Feliciano Paoli

Orari: 10-12,30 e 15-17,30 (chiusura lunedì)

Ingresso gratuito

 

torna all'inizio del contenuto