Comunicati stampa | Dalla Provincia
mercoledì, 28 febbraio 2007

Musei e beni culturali, patto tra istituzioni

Amministrazioni pubbliche, università e accademie insieme per esaltare la funzione educativa e la formazione

PESARO. Una nuova cultura del museo e dei beni culturali che esalti la loro funzione educativa e la formazione, attraverso corsi di laurea specifici, di professionisti del settore. È questo l'obiettivo del documento di intenti emerso dalla giornata di studi "Edu©Arte. Musei e beni culturali. La funzione educativa: formazione, ricerca, professionalità", organizzata dalla Provincia e dall'Accademia di belle arti di Urbino nella sala del consiglio di viale Gramsci. Un traguardo da raggiungere attraverso un lavoro d'équipe tra istituzioni, musei, università e accademie per la definizione di specifici iter formativi, iniziative di rete e forme di cooperazione, scambio e condivisione di studi, dati e ricerche.
Ha aperto il seminario, al quale sono intervenuti i massimi esperti italiani del settore, l'assessore alle attività culturali della Provincia Simonetta Romagna: «Al di là delle grandi istituzioni museali - ha sottolineato - nella nostra provincia esiste una miriade di piccole realtà che sono al bivio, sopravvivere a stento o creare un rapporto diverso con il pubblico attraverso iniziative didattiche in collaborazione con le scuole ma anche rivolte a un pubblico adulto».
Il presidente della Provincia Palmiro Ucchielli ha esaltato il patrimonio del territorio e i suoi «risvolti non solo culturali ma anche economici e quindi la necessità che siano valorizzati e conosciuti dal più ampio pubblico attraverso la sinergia tra le varie istituzioni».
Al termine degli interventi "tecnici", tra i quali quello del presidente dell'Accademia di belle arti di Urbino Umberto Palestrini, ha concluso il convegno l'assessore regionale alla cultura Luigi Minardi.

torna all'inizio del contenuto