Comunicati stampa | Dalla Provincia
sabato, 12 dicembre 2009
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Francesco Nonni

Minardi: «Ripristinare i treni persi dalla stazione di Fano»

Fermate soppresse, l’assessore ai Trasporti chiede un vertice con Ferrovie dello Stato

PESARO – «Serve una mobilitazione generale delle istituzioni marchigiane per recuperare tutti i treni persi». E’ quanto afferma l’assessore ai Trasporti Renato Claudio Minardi, in merito ai disagi relativi a soppressioni e mancati scali determinati dal nuovo orario di Trenitalia. Che, in vigore da domani, rischia di penalizzare fortemente anche il territorio provinciale: «Siamo d’accordo con l’assessore regionale Pietro Marcolini. Per questo chiediamo un incontro immediato con l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti». A rimetterci, in particolare, è la stazione di Fano, privata delle fermate di tutti gli Eurostar City: «Pur non essendo capoluogo di provincia – evidenzia Minardi –, Fano è pur sempre la terza città delle Marche. Non solo a livello demografico, ma anche per il peso del suo sistema produttivo all’interno dell’economia regionale». La nuova situazione rischia di incidere negativamente su indotto e sviluppo economico: «Ma si ripercuoterà  anche sui viaggiatori - puntualizza l’assessore -. Per i fanesi è venuto meno il collegamento diretto con Milano. Mentre gli Intercity verso Bologna, diventata ora stazione di cambio obbligato, sono stati dimezzati, con relativi disagi in più per i passeggeri». Le tariffe, invece, sono aumentate in modo rilevante: «Da Fano a Milano, adesso, si spenderà fino al 25 per cento in più. Senza considerare che rimaniamo esclusi da vantaggi e benefici diretti dell’alta velocità, perché per le Marche non sono stati fatti investimenti su infrastrutture e servizi ferroviari». 

torna all'inizio del contenuto