Comunicati stampa | Dalla Provincia
giovedì, 31 luglio 2008
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Giovanna Renzini

Leonardo Proteo, i giovani tirocinanti confrontano le esperienze

C’è chi ha trovato lavoro stabile in Irlanda e chi ha suonato in Polonia in un’orchestra. Soddisfatti i 42 partecipanti

PESARO – Si sono ritrovati questa mattina nella sala del consiglio provinciale i 42 giovani che hanno partecipato al progetto “Leonardo Proteo” coordinato dalla Provincia di Pesaro e Urbino (Ufficio Politiche giovanili e Ufficio Mobilità giovanile europea), rientrati dopo 13 settimane di formazione e lavoro in organizzazioni e aziende di Francia, Spagna, Irlanda, Regno Unito e Polonia. Un’esperienza che a qualcuno ha cambiato la vita, come racconta Camilla Pari, laureata di Rimini, che al termine del tirocinio in una società finanziaria di Dublino, ha ricevuto la proposta di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. “Avevo presentato domanda per un tirocinio in un settore economico e in Irlanda ho svolto attività di ricercatrice all’interno di una società finanziaria, aggiornando il data base ed analizzando nuovi strumenti finanziari. Quando mi è arrivata la proposta di restare non mi è sembrato vero! Sono pronta a partire, l’unico neo sarà la pioggia...”.  Soddisfatto dell’esperienza anche un altro tirocinante in Irlanda, Francesco Ioppolo, 28 anni, di Fano. “Ho svolto il tirocinio in una ditta di Limerick che si occupa di consulenze di marketing turistico. E’ stato importante conoscere le sfaccettature del settore turistico, i punti di forza e di debolezza che poi sono anche quelli del sistema italiano, dato che Irlanda e Italia nella gestione turistica si somigliano molto. Spero che quanto ho imparato possa essermi utile per il mio futuro lavorativo”. Un tirocinio anomalo è stato quello di Vanessa Scarano di Pesaro, 24 anni, musicista, che collabora con l’Orchestra sinfonica Rossini e che si è recata in Polonia. “Ho svolto il tirocinio in un’orchestra sinfonica di Cracovia, la città culturale per eccellenza. Oltre a suonare, ho organizzato concerti e trovato buonissimi contatti che spero possano essermi utili per tornare in questo paese. Cracovia spende molto per la cultura, con tante manifestazioni tutti i giorni”.

All’incontro con i giovani ha partecipato l’assessore provinciale alla Formazione e lavoro Massimo Galuzzi, che ha fornito indicazioni sulle opportunità lavorative e formative nella nostra provincia.

 

torna all'inizio del contenuto