Comunicati stampa | Dalla Provincia
giovedì, 28 ottobre 2004
Origine: Informazione e stampa -  Autore: a.p.

L’archeologia sul grande schermo

il primo appuntamento della rassegna documentaria organizzata dall’Archeoclub di Pesaro

PESARO. Quattro giornate per “Vedere l’archeologia”. Prende il via sabato 30 ottobre l’VIII rassegna di film archeologici organizzata dalla sede di Pesaro dell’Archeoclub d’Italia e dalla Fondazione Cassa di Risparmio in collaborazione con il Comune di Pesaro, le associazioni Archeoprovincia e Archeologia Viva e la rassegna internazionale del cinema archeologico di Rovereto. “Alburnus maior. Un tesoro da salvare” (2003) e “Amore Morte” (2001) sono i due film-documentario del regista Adolfo Conti che verranno proiettati alle 17 nell’auditorium di Palazzo Montani Antaldi durante la giornata d’apertura della rassegna.

Al termine del primo documentario, dedicato alla città rumena Rosia Montana, l’antica capitale della Dacia romana e preromana Alburnus Maior, patrimonio archeologico che rischia di essere trasformato in una miniera aurifera, seguirà l’intervento del professor Livio Zerbini dell’Università di Ferrara. La proiezione di “Amore morte” permetterà invece agli spettatori di scoprire una Pompei notturna, deserta di turisti, pronta a rivelare alla macchina da presa i segreti dei suoi abitanti, in particolare il loro rapporto con l’amore e il sesso prima della catastrofica eruzione del Vesuvio nel 69 d.C.

I successivi tre appuntamenti, che si svolgeranno sempre alle 17 nell’auditorium di Palazzo Montani Antaldi (Fondazione Cassa di Risparmio, via Passeri), sono in programma per sabato 6 novembre (“L’eldorado dei Faraoni”, “La battaglia di Qadesh” e “Gerico”), sabato 20 novembre (“Au delà d’Angkor – Menaces sur les trèsors cambodgiens”, “Les Etrusques, un voyage interrompu” e “Paolo, da Tarso al mondo”) e sabato 27 novembre (“Ercolano, gli scheletri del mistero”, “Le dernier regard” e “ Cérémonies secrètes”).

L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti. Per ulteriori informazioni 0721.31738, fax 0721.33207.

 

torna all'inizio del contenuto