Comunicati stampa | Dalla Provincia
venerdì, 16 dicembre 2005
Origine: Informazione e stampa -  Autore: g.r.

I laureati in azienda, per mettere in moto la creatività

Il presidente Ucchielli e l’assessore Galuzzi hanno incontrato i giovani laureati

PESARO - “Il connubio tra mondo della produzione e mondo delle idee può avvenire solo attraverso la sperimentazione. Questa iniziativa della Provincia consentirà a voi giovani di mettere in moto la creatività e di dimostrare le vostre capacità”. E’ quanto ha evidenziato il professor Ilario Favaretto dell’Università di Urbino all’incontro che il presidente della Palmiro Ucchielli e l’assessore alla Formazione e Lavoro Massimo Galuzzi hanno avuto al Centro fieristico “Campanara” con i laureati che si sono aggiudicati 115 “borse per esperienze lavorative” e 59 “assegni per progetti di ricerca” da svolgere nei prossimi mesi all’interno di imprese, associazioni o organizzazioni senza fini di lucro del territorio, percependo assegni mensili.
Finanziate dalla Provincia con il contributo del Fondo Sociale Europeo (711mila euro), le due iniziative si propongono proprio di favorire un legame sempre più stretto tra Università, mondo della formazione e sistema produttivo, nella convinzione che la ricerca e l’innovazione sia l’unica via da percorrere per una competizione basata sulla qualità. All’incontro hanno portato la propria testimonianza due giovani laureati, Giampaolo Capuozzi e Valentina Grassini, che nel 2005 hanno svolto progetti di ricerca rispettivamente all’interno della “Morbidelli” di Pesaro e della “Sea Gruppo srl” di Fano. Presente anche l’imprenditore Sandro Cangiotti della “Sea Gruppo srl”, che ha parlato dell’esperienza dal punto di vista delle imprese. “Poter avere al proprio interno un laureato che svolge attività di ricerca per un periodo abbastanza lungo - ha detto - è per le aziende un elemento molto importante, perché spesso non si ha la possibilità di destinare personale a questo settore, essendo concentrati soprattutto sulla produzione”.

torna all'inizio del contenuto