Comunicati stampa | Dalla Provincia
mercoledì, 23 dicembre 2009
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Giovanna Renzini

“Green economy”, 300 studenti alla giornata di Urbino sui cambiamenti climatici

All’appuntamento sono state presentate anche le “buone pratiche” sulle energie rinnovabili presenti nelle Marche

URBINO - Grande successo per la giornata dedicata ai cambiamenti climatici e alla green economy, svoltasi ad Urbino (Facoltà di Magistero e Palazzo Ducale) in concomitanza con la conclusione del vertice di Copenhagen. La conferenza, organizzata dall’associazione “Ragnarock” insieme a Comune di Urbino, Provincia, Regione Marche e Università di Urbino, ha visto anche la presenza di parlamentari italiani ed europei, di associazioni ambientaliste (Legambiente e Greenpeace) e delle ambasciate di Svezia e Norvegia, che hanno reso nota la loro posizione sui cambiamenti climatici ed i nuovi progetti dedicati alle energie rinnovabili.
Nel corso della mattinata, a cui ha preso parte anche il presidente della Provincia Matteo Ricci, sostenitore di una nuova “Provincia del sole e del vento”, oltre 300 ragazzi delle scuole superiori hanno discusso sul tema al centro del vertice danese, presentando i loro progetti sul risparmio energetico e sulle fonti rinnovabili. Al termine della conferenza si è tenuto un collegamento in diretta con il “Bella Center” di Copenhagen, dove Marco Germinario, presidente di Ragnarock, ha fornito un aggiornamento in tempo reale sull’andamento delle trattative. Nella tavola rotonda del pomeriggio tra imprese italiane e nordiche, sono state presentate le “buone pratiche” sulle energie rinnovabili nelle Marche.
“Ci aspettavamo di più dal vertice di Copenhagen – evidenzia il presidente della Provincia Matteo Ricci –, speriamo che i primi mesi del 2010 si possa tornare a livello mondiale a riaffrontare alcune questioni, servono scelte più coraggiose. Nel frattempo, a livello locale, continueremo a sensibilizzare la popolazione sulle energie rinnovabili, abbiamo visto in questi mesi tanto interesse soprattutto nei giovani, vogliamo diventare realmente la provincia del sole e del vento, le nostre scelte stanno andando in questa direzione”. 

 

torna all'inizio del contenuto