Comunicati stampa | Dalla Provincia
giovedì, 23 settembre 2010
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Francesco Nonni

«Grazie alla mobilitazione incontro positivo, ma siamo solo all’inizio»

Matteo Ricci ringrazia il sottosegretario alle infrastrutture Mario Mantovani dopo il vertice sulla E-78

PESARO –  «La mobilitazione di questi mesi comincia a dare i primi risultati. Ma siamo appena all’inizio e bisogna continuare a tenere unito il fronte politico e territoriale». Di ritorno da Roma dopo il vertice pomeridiano con il sottosegretario alle infrastrutture Mario Mantovani, Matteo Ricci non molla la presa sulla Fano-Grosseto. «Incontro positivo: ci è stato confermato l’impegno del ministro Matteoli sulla E-78. Per il ministero l’opera rimane una priorità, ed è stata mantenuta nell’allegato relativo alle infrastrutture del Documento di finanza pubblica, che sarà presto votato in Parlamento. Il sottosegretario ha dato inoltre il via libera all’Anas per progettare nei prossimi mesi il tratto mancante dalla Guinza alla E-45». Resta da sciogliere il nodo principale, quello delle risorse: «Senza uno stanziamento chiaro da parte dello Stato – continua Ricci - è difficile aprire ragionamenti rispetto al coinvolgimento dei privati. Al sottosegretario abbiamo ribadito la necessità di finanziare i lotti prioritari individuati dai territori e dalle Province. La vera partita da giocare è quella delle risorse: per noi dovrebbero essere individuate già da quest’anno. La mobilitazione di domani sarà solo l’inizio, fino a quando non ci sarà un finanziamento chiaro rispetto all’opera». Ora, per il presidente della Provincia, bisogna continuare a tenere alta l’attenzione a livello nazionale: «La manifestazione della Guinza serve proprio a questo – continua Ricci -. Solo facendo sentire la nostra voce sullo scandalo della “grande incompiuta” possiamo uscire dall’oscuramento mediatico e completare il collegamento tra l’Adriatico e il Tirreno. Quindi invitiamo tutti i cittadini e gli amministratori a Mercatello sul Metauro…». Il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, che ha evidenziato anche le istanze delle Province di Perugia e Arezzo, è stato accompagnato da parlamentari, consiglieri regionali e sindaci del territorio. L’occupazione della Guinza scatterà domani (venerdì 24 settembre), a Mercatello sul Metauro, dalle ore 17.30: attesi parlamentari, amministratori, imprenditori, sindacati e associazioni di categoria. Per domenica 27 settembre è in programma l’intervento del governatore marchigiano Gian Mario Spacca. Annunciata anche Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria.  

torna all'inizio del contenuto