Comunicati stampa | Dalla Provincia
martedì, 25 novembre 2008
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Francesco Nonni

Il ministro Ferrari a Urbino, successo di pubblico

Folla di universitari e autorità all’incontro con il ministro consigliere per la Stampa e gli Affari interni dell’ambasciata d’Italia a Washington

«L’America non perderà la sua leadership e rimarrà la principale potenza mondiale, anche se nei prossimi anni dovrà confrontarsi sempre più con sistemi economici in rapida crescita, a cominciare da quello cinese».

Lo ha detto questa mattina, nell’aula magna della sede centrale dell’ateneo urbinate, il portavoce dell’ambasciata d’Italia a Washington Luca Ferrari, intervenendo al convegno «L’America e le sfide globali all’indomani delle elezioni presidenziali. I rapporti con l’Italia», promosso dall’ “Urbino Press Award” e organizzato dalla Provincia di Pesaro e Urbino con la collaborazione del Comune di Urbino e dell’Università degli Studi “Carlo Bo”.

«La grandezza degli Stati Uniti – ha spiegato Ferrari rivolgendosi agli universitari e alle autorità che hanno gremito la sala – è la capacità di guardare al futuro: la vitalità americana è stata di recente evidenziata dalle ultime elezioni presidenziali che hanno premiato Barack Obama».

Il ministro consigliere per la Stampa e gli Affari interni della nostra sede diplomatica a Washington si è quindi soffermato sull’agenda a breve termine del prossimo presidente americano: «Obama – ha detto Ferrari – per favorire la ripresa economica sosterrà il comparto manifatturiero e incentiverà i consumi.  Per questo, anche con decisioni impopolari, eviterà di aumentare le imposte ai ceti abbienti. Il futuro governo sarà centrista, fatto da politici esperti e costruito con l’appoggio dei repubblicani, come dimostrano le scelte compiute per i ruoli chiave dell’amministrazione. In politica estera gli sforzi maggiori saranno rivolti all’Afghanistan, mentre riprenderà il dialogo con la Russia».   

Ferrari ha infine sottolineato gli ottimi rapporti tra Italia e Stati Uniti, che «saranno certamente contraddistinti dalla massima collaborazione e amicizia anche nel corso della prossima amministrazione democratica». Messaggi di saluto sono stati trasmessi dal presidente della Camera Gianfranco Fini e dal ministro degli Affari esteri Franco Frattini, che hanno evidenziato entrambi il rilievo dell’iniziativa, inserita nell’ambito dell’Urbino Press Award 2009. «Il Premio - ha scritto Frattini agli organizzatori-, conferito annualmente dalla magnifica città di Urbino ai grandi reporter dell’America, ha acquisito prestigio nel corso degli anni, contribuendo a confermare le sempre più intense relazioni tra gli Stati Uniti e il nostro Paese in ogni campo». Hanno preso parte all’incontro, moderato dal giornalista Giovanni Lani, anche il sindaco di Urbino Franco Corbucci, l’assessore provinciale alla Formazione e lavoro Massimo Galuzzi, il prorettore dell’ateneo urbinate Mauro Magnani, il preside della Facoltà di Lingue e letterature straniere Stefano Pivato e la docente universitaria Gabriella Morisco. 

 

torna all'inizio del contenuto