Comunicati stampa | Dalla Provincia
giovedì, 27 ottobre 2005
Origine: Informazione e stampa -  Autore: g.r.

C’è un futuro per la scultura? Incontro a Pietrarubbia con Armando Ginesi

Sabato 29 ottobre al Centro Tam nell’ambito di Segnali d’Arte - Spac

PIETRARUBBIA – “C’è un futuro per la scultura?” è l’interessante titolo di una conversazione con il critico d’arte Armando Ginesi che si terrà sabato 29 ottobre alle ore 16 a Pietrarubbia (Palazzo Fondazione Arnaldo Pomodoro, Centro Tam) nell’ambito delle conferenze “Creativa_Mente” del Sistema provinciale di arte contemporanea. All’iniziativa, promossa dalla Provincia di Pesaro e Urbino (assessorato Attività culturali – editoria, pari opportunità) e dal Comune di Pietrarubbia, interverranno il presidente della Provincia Palmiro Ucchielli, l’assessore provinciale alle Attività culturali Simonetta Romagna, il presidente della Comunità Montana Montefeltro Michele Maiani ed il sindaco di Pietrarubbia Luciano Vergari. Un’occasione per parlare della scultura e dei luoghi ad essa destinati, anche alla luce del progetto realizzato a Milano da Arnaldo Pomodoro.

“Un quarto di secolo fa, più o meno – commenta Armando Ginesi - si incominciò a parlare di un’imminente morte dell’arte. In un’intervista rilasciata a Tommaso Trini, Giulio Carlo Argan chiariva che si intendeva la fine di un sistema tecnico, quello tradizionale, dell’espressività artistica. Per la verità questa fine non si è ancora verificata”. E la scultura? Che fine farà? “Che destino le è riservato? – si chiede ancora Ginesi -, c’è per essa un futuro? In caso affermativo, qual è? Come si potrà confrontare con l’architettura, da sempre sua sorella e rivale? Nel contesto italiano, per quanto tempo ancora dovrà rimanere estromessa dagli ambiti urbani da cui è stata sfrattata nel XX secolo, soprattutto a partire dal secondo dopoguerra?”.

 

torna all'inizio del contenuto