Comunicati stampa | Dalla Provincia
mercoledì, 23 luglio 2008
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Milena Bonaparte

“Montecopiolo, benvenga la sciovia estiva”

Il presidente della Provincia Ucchielli e Giuseppe Lucarini rispondono all’assessore regionale Carrabs

MONTECOPIOLO. “La Provincia è interessata all’ipotesi di utilizzare la sciovia di Montecopiolo, al momento autorizzata solo per il periodo invernale da settembre ad aprile, anche in estate (maggio-ottobre)”.

Lo dichiarano in coro e con convinzione il presidente della Provincia Palmiro Ucchielli e l’assessore provinciale alle opere pubbliche Giuseppe Lucarini in risposta all’assessore regionale all’ambiente Gianluca Carrabs.

“Ora il funzionamento dell’impianto è previsto solo in due giornate estive (per la Festa della Madonna del Faggio e a Ferragosto). Naturalmente l’autorizzazione deve essere rilasciata nel rispetto delle disposizioni della legge regionale alla quale si richiama ogni atto della Provincia. Per quanto riguarda gli ostacoli burocratici, sarebbe stato sufficiente che l’assessore Carrabs avesse letto la legge regionale dell’aprile 2004 e le relative linee guida che disciplinano l’organizzazione dei parchi per capire che qualsiasi autorizzazione è soggetta a un procedimento preciso. E il procedimento in realtà è stato avviato dalla Provincia attraverso la convocazione della Conferenza dei servizi del 20 giugno 2008 da parte della dirigente dell’ufficio trasporti, in base alle disposizioni dell’articolo 14 bis della legge 241 del 1990 (successive modificazioni e integrazioni in seguito alla richiesta della società di gestione con lettera del 15 maggio)”.

“Dalla Conferenza - spiegano Ucchielli e Lucarini - è emerso molto chiaramente che la società Sciovie impianti turistici Eremo di Montecopiolo avrebbe dovuto immediatamente presentare un progetto circostanziato di utilizzo della sciovia, con l’indicazione del numero delle giornate in cui l’impianto a loro parere dovrebbe essere funzionante, per metterci in condizione di attivare subito dopo la procedura di Via (Valutazione di impatto ambientale), prevista al punto 3.3 della determinazione 3337-2005 con cui la Provincia di Pesaro Urbino ha emesso parere positivo di compatibilità ambientale con prescrizioni per la costruzione dell’impianto della seggiovia triposto a morsa fissa “Cella del monte-Cima est”, in quanto si configurerebbe come modifica sostanziale ai sensi della legge regionale 7 del 2004 e delle relative linee guida. Una richiesta immediata avrebbe permesso perlomeno di attivare le procedure, cercando di snellirle al massimo nei tempi previsti dalla normativa”.

 

torna all'inizio del contenuto