Comunicati stampa | Dalla Provincia
mercoledì, 04 giugno 2008
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Giovanna Renzini

“Maestri del Lavoro”, due premi per studenti dei Centri per l’impiego

Cinquecento euro ciascuno ed uno stage in aziende del settore metalmeccanico. Consegna a settembre, alla presenza di autorità civili e scolastiche

PESARO – Due premi da 500 euro ciascuno, accompagnati da altrettanti stage in aziende del settore metalmeccanico: è l’iniziativa della Federazione dei Maestri del Lavoro d’Italia (Consolato provinciale di Pesaro e Urbino), rivolta a due studenti in obbligo formativo dei Centri per l’impiego, l’orientamento e la formazione di Pesaro e di Urbino risultati meritevoli, nel corso dell’anno scolastico, ad insindacabile giudizio dei loro docenti.

Il premio “Maestri del lavoro”, che sarà conferito a settembre insieme ad una targa, è stato presentato nelle sedi dei due Centri per l’impiego dal console provinciale dei maestri del lavoro Ugo Ruggeri e dai maestri del lavoro Gianfranco Zarzani, Bruno Ferri, Gualfardo Talloni e Nereo Borasco, alla presenza dell’assessore provinciale alla Formazione e lavoro Massimo Galuzzi e dei responsabili dei Centri per l’impiego di Pesaro Domenico Balducci e di Urbino Stefano Raia.

Come evidenziato nell’incontro, tale riconoscimento è in linea con gli obiettivi della Federazione dei Maestri del Lavoro, che si propone tra l’altro, come da statuto, “di favorire l’inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro, aiutandole nella loro formazione e nelle scelte professionali”.

La valutazione degli studenti meritevoli terrà anche conto, come previsto dal regolamento del premio, di particolari attitudini e specifici comportamenti, quali l’adattamento all’ambiente scolastico, la tendenza alla “leadership”, l’apprendimento e profitto del percorso formativo, la propensione all’integrazione.

“Ogni maestro del lavoro - ha detto Ugo Ruggeri ai ragazzi -  ha una storia a sé, un percorso professionale diverso, diverso l’ambiente in cui è maturato, così come diversi i gradi di responsabilità assunti. Una cosa ci accomuna: l’attaccamento al lavoro, all’azienda, alla formazione di nuove idee. Sono peculiarità che ci hanno portato ad essere insigniti con la Stella al Merito del Lavoro, il massimo riconoscimento dello Stato per il lavoro dipendente, concessa dal Presidente della Repubblica su proposta del Ministro del Lavoro e vogliamo condividere con voi  l’orgoglio di questa decorazione e cercare di trasmettervi, con la nostra presenza, la giusta sensibilità per saper cogliere, domani, i tanti valori insiti nel variegato mondo produttivo”. La premiazione avrà luogo a settembre, alla presenza di autorità civili, scolastiche e di maestri del lavoro.

                                                                    

torna all'inizio del contenuto