Comunicati stampa | Dalla Provincia
lunedì, 24 gennaio 2011
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Giovanna Renzini

“Giornata della Memoria”, tante iniziative

Conferenze, mostre, film, spettacoli, laboratori, presentazioni di libri, per andare al di là di una semplice commemorazione e coinvolgere più profondamente i cittadini, in particolare i giovani

PESARO – “Memorie: la creatività oltre il dolore” e “E’ bello vivere liberi” sono le iniziative per la “Giornata della memoria” presentate in Provincia dal presidente del Consiglio regionale Vittoriano Solazzi, dal vice presidente e assessore alle Politiche culturali della Provincia Davide Rossi, dal direttore dell’Iscop (Istituto storia contemporanea della provincia di Pesaro e Urbino) Luca Gorgolini, dalla responsabile sezione didattica Iscop Donatella Giulietti  e dalla coordinatrice della Rete teatrale della provincia di Pesaro e Urbino (Amat – Provincia) Lucia Ferrati.

“Dall’arte figurativa alla letteratura, dal teatro al cinema - ha detto l’assessore Davide Rossi - sono tante le forme di comunicazione, legate tra loro, che abbiamo messo in campo, insieme ad altri enti, per andare al di là di una semplice commemorazione, coinvolgendo i cittadini e soprattutto i giovani in un percorso di approfondimento e crescita comune sul senso della storia e della memoria”.

“In un tempo caratterizzato da una perdita di memoria in generale – ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale Vittoriano Solazzi – è positivo offrire spazi di riflessione e approfondimento, soprattutto alle nuove generazioni, su una pagina buia della storia dell’umanità. La Regione ha aderito volentieri ad un progetto intelligente, ricco ed efficace rispetto agli obiettivi”.

Il progetto “Memorie: la creatività oltre il dolore”, promosso da Iscop con Regione, Provincia, Comune di Pesaro e Biblioteca Bobbato, si articola in vari momenti: giovedì 27 gennaio, alle ore 16.30 a Pesaro (Sala “Adele Bei” della Provincia), conferenza su “Charlotte Salomon: dall’arte al racconto di una vita”, in cui verrà ripercorsa la storia della giovane ebrea deportata ad Auschwitz che dipinse 780 fogli usando l’arte per raccontare l’orrore. Dopo la conferenza si potrà visitare, alla Chiesa della Maddalena, la mostra di Charlotte Salomon (messa a disposizione gratuitamente per uso didattico dall’associazione Dars -  Donne Arte Ricerca Sperimentazione di Udine), così come resterà aperta anche la Sinagoga. Sempre il 27, alle ore 21, a Piandimeleto (Castello Conti Oliva), verrà presentato il volume “Con foglio di via. Storie di internamento in Alta Valmarecchia”, con gli autori Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni. Quanto alle iniziative con le scuole, alla Chiesa della Maddalena è in corso fino al 28 gennaio un laboratorio che coinvolge 400 studenti.

“Il lavoro – hanno spiegato il presidente Iscop Luca Gorgolini e la responsabile didattica Donatella Giulietti – si sviluppa da un lato sui vissuti, cioè sulle biografie di figure che ci permettono di entrare realmente dentro la storia, dall’altro sui linguaggi, andando oltre la narrazione scritta e orale per esplorare altre modalità di raccontare l’orrore”. Per mercoledì 16 febbraio, alle 16.30, è prevista al Cinema Astra di Pesaro la proiezione del film “Il cielo cade”, con l’autrice Lorenza Mazzetti.

Altro importante appuntamento, di cui ha parlato Lucia Ferrati, è in programma mercoledì 26 gennaio, alle ore 21.15, al Teatro Bramante di Urbania. Si tratta dello spettacolo ad ingresso gratuito “E’ bello vivere liberi”, di e con Marta Cuscunà, che con 5 burattini ed un pupazzo si ispirerà alla biografia di Odina Peteani, prima staffetta partigiana d’Italia, deportata ad Auschwitz. Per consentire ad un maggior numero di persone di partecipare allo spettacolo, promosso da Provincia e Amat nell’ambito della stagione della Rete teatrale 2010-2011, ci saranno pulman gratuiti con partenza da Pesaro (parcheggio San Decenzio ore 18.30) e da Urbino (parcheggio Mercatale ore 19.15) e ritorno al termine dello spettacolo (info e prenotazioni posto in pulman alla Biglietteria Amat di via Rossini, tel. 0721/638882).

torna all'inizio del contenuto