Comunicati stampa | Dalla Provincia
martedì, 18 dicembre 2001
Origine: Informazione e stampa -  Autore:g.r.

Crescono le imprese "in rosa".

In due anni la Provincia, attraverso il Fondo Sociale Europeo, ha erogato finanziamenti per 128 nuove attività.

Sono sempre più numerose, nel territorio provinciale, le persone che scelgono di avviare attività in proprio, di ritagliarsi un lavoro “su misura”, imboccando questa strada o al momento dell’ingresso nel mondo del lavoro o dopo aver maturato altre esperienze professionali. La Provincia di Pesaro e Urbino sostiene da anni il settore dell’autoimprenditorialità offrendo agli interessati una serie di servizi gratuiti presso i tre Centri per l’impiego di Pesaro, Fano ed Urbino (consulenza all’avvio di impresa, assistenza nella redazione di business plan, accompagnamento nei primi anni di vita dell’attività ecc.) e dal 1999 intervenendo anche direttamente attraverso la gestione ed erogazione di finanziamenti regionali (art.6 legge 31/97) e comunitari (Programma operativo regionale 2000-2006 Obiettivo 3 del Fondo Sociale Europeo “Sostegno alla creazione di impresa”). Dal 1999 ad oggi sono state finanziate dalla Provincia ben 128 neo imprese, per un totale di 4 miliardi e 195.186.633 di lire, erogati sotto forma di contributi a fondo perduto, spese di consulenza tecnica, prestiti senza interessi, a seconda delle tipologie di intervento. Delle 128 imprese, 60 sono nate nelle aree interne del territorio provinciale (48 nella fascia collinare e 12 in quella montana), mostrando un certo dinamismo sul versante dei servizi e su quello produttivo - artigianale. Interessante anche la spinta proveniente dalle donne: ben 34 imprese sono a prevalente partecipazione femminile. Quaranta invece le ditte individuali. Le attività finanziate interessano i settori più disparati: commercializzazione di prodotti tipici, creazione di servizi via Internet, consulenza fiscale ed elaborazione dati, confezioni su misura, produzione di mobili, progetti a sfondo sociale, gestione di reparti di supermercati, produzione e regia di cortometraggi e filmati per aziende e reti televisive ecc. Un’esplosione di creatività e intraprendenza che sembra contagiare sempre più persone, visto che nel primo quadrimestre 2001 sono pervenute ben 68 richieste di finanziamento da parte di neo imprese (le prime 24 della graduatoria hanno potuto usufruire di fondi). “Il territorio - evidenzia l’assessore provinciale alla Formazione professionale e politiche attive per il lavoro Gloriana Gambini - sta rispondendo molto bene a queste opportunità, tanto che non si riesce a far fronte a tutte le richieste, nonostante i cospicui fondi a disposizione. Come Provincia ci impegneremo per mantenere ed elevare la disponibilità di fondi comunitari e non, affinché si possa sostenere con sempre maggior vigore la positiva tendenza in atto. Naturalmente, dovendo operare delle scelte tra più progetti, il nucleo di valutazione si orienterà a sostegno delle idee più innovative ed in grado di favorire uno sviluppo a basso impatto ambientale ed alto tasso di innovazione tecnologica".
torna all'inizio del contenuto