Comunicati stampa | Dalla Provincia
giovedì, 21 settembre 2017
Origine: Informazione e stampa -  Autore: Giovanna Renzini

“Castelli d’Aria” venerdì 22 settembre a Mombaroccio con l’organista Pierpaolo Fabbri su strumento del 1783

Alle ore 21, nella Chiesa dei Santi Vito e Modesto, penultimo appuntamento degli itinerari organistici nella Val Metauro. Ingresso libero

MOMBAROCCIO - Venerdì 22 settembre, alle ore 21, nella Chiesa dei Santi Vito e Modesto di Mombaroccio, penultimo appuntamento della rassegna “Castelli d’Aria – Itinerari organistici nella Val Metauro”.

La serata, ad ingresso libero, è affidata all'organista Pierpaolo Fabbri, frate francescano, che proporrà anche alcuni brani di compositori francescani attivi nelle Marche.

Il concerto si terrà sullo strumento costruito da Sebastiano Vici nel 1783, recentemente restaurato, testimone dell’importante tradizione musicale ed organaria di Mombaroccio, che conserva anche un organo nella Chiesa di San Marco (sempre opera del Vici) e, soprattutto quello costruito dal croato Petar Nakić nel 1731 per il Santuario del Beato Sante.

Noto in Italia col nome di Pietro Nacchini,  Nakić è considerato il fondatore della scuola veneta classica, resa nota, in particolare nelle Marche, dal veneziano Gaetano Callido. Come evidenziano gli organizzatori della rassegna, l’importantissimo strumento, probabilmente il più antico Nacchini superstite, attende ancora oggi il restauro.

Questo il programma della serata:

Armando Pierucci (1935)
Tema e Variazioni
Elevazione
Carillon
 
Giovan B. Pergolesi (1710-1736)
Allegro
Sonata in Fa

G. L. Pagnucci da Fabriano (1737-1802)
Allegro
Larghetto
Marcia

Pietro Morandi (1745-1815)
Concerto secondo
coll’imitazione del Flauto dolce


torna all'inizio del contenuto