Fagus Sylvatica L. (faggio) – Fagaceae

Nome comune: Faggio occidentale, Faggio.

Fioritura: Maggio.

Morfologia:

Albero che può raggiungere i 40 metri di altezza che cresce in boschi di latifoglie fino a 2000 metri s.l.m. e in zone fresche e umide. Ha corteccia grigio scura, foglie alterne, semplici, con base arrotondata e margini cigliati, a volte ondulati; la pagina superiore è scura e lucida, quella inferiore ricoperta da peli rossastri. I fiori maschili sono riuniti in amenti o piccoli capolini composto da 6-16 fiori giallastri pendenti da sottili peduncoli, quelli femminili sono riuniti a due a due e avvolti in un involucro detto cupola. Il frutto è un achenio (la faggiola) rossastro, marrone a maturità, avvolto da una nucula legnosa a 4 valve con deboli peli erbacei.

Distribuzione geografica:

Specie arborea presente in tutta l’Europa occidentale, in Italia distribuita in tutte le regione a livello montano tranne che in la Sardegna e nelle isole mediterranee; è specie mesofila e sciafila, preferisce suoli fertili, freschi, di medio impasto e ben drenati, ma si adatta anche a suoli meno fertili e pietrosi purché ci sia abbondante umidità atmosferica specialmente in primavera, ed edafica ma non ristagno o suoli pesanti argillosi.

Pollini:

I pollini sono trizoncolporati, isopolari, oblato-sferoidali, piuttosto grandi (40-45 m). I colpi sono corti e acuti, per cui l’area polare è estesa. L’esina, piuttosto sottile, si ispessisce verso i pori ed è rugulata. L’intina forma onci sotto i pori. La fioritura avviene a Maggio, ma i quantitativi di polline sono variabili da anno ad anno. Questo tipo di polline ha bassa allergenicità.

torna all'inizio del contenuto