Acer Campestre L. (Acero campestre) – Fam. Aceraceae

Nome comune: Acero campestre, Loppio, Testucchio.

Fioritura: Aprile-Maggio.

Morfologia: albero alto da 10 a 20-22 m, presente in boschi misti mesofili con   foglie semplici, opposte, divisa in 3-5 lobi arrotondati. I fiori sono piccoli, stellati, color verde-giallo, costituiti da 5 sepali e petali ridotti, spesso poligami e  formanti in infiorescenze a corimbo. I frutti, che maturano a settembre-ottobre, sono disamare con un seme per lato, munite di due ali che facilitano la disseminazione.

Distribuzione geografica: in Italia è molto diffuso nei boschi meso-termofili ma non eccessivamente xerici, soprattutto nei querceti a foglia caduca, dal Lauretum freddo al Castanetum freddo al limite del Fagetum, perciò è specie molto plastica, si può trovare, al nord, dalla costa fino a circa 1000 m s.l.m. nei versanti meridionali, è diffuso in tutta la penisola e nelle isole, in Sicilia si può trovare fino a 1600 m s.l.m., si trova spesso in siepi e partecipa al mantello dei boschi, anche perché diffuso dall'uomo un tempo usato come tutore vivo della vite. Non caratteristico di associazioni definite ma un po' ubiquitario principalmente nei querceti planiziali a Farnia ma anche in querceti collinari sia a Farnia che a Rovere e nei carpineti, ma anche in formazioni di transizione di questi in fasi più primitive, da pioppeti a Pioppo nero e Salice bianco in aree golenali; nel meridione d'Italia partecipa anche a formazioni di sclerofille nelle fasi meno xerofile.

Pollini: i pollini sono trizonocolpati, isopolari, suboblati, o oblati-sferoidali, con dimensioni di 28-35 m. L’esina, piuttosto spessa, è finemente striata. I colpi sono molto larghi (circa la metà del mesocolpium) e lunghi, per cui l’area polare è molto piccola.

Il periodo di dispersione del polline coincide con i mesi da Marzo a Maggio, pollini simili al microscopio sono quelli di altri aceri, Quercus, Prunoideae, Pomoideae.

Il contenuto allergenico è basso o assente.

torna all'inizio del contenuto