Argomento: Dalla Provincia

Va a regime la webmail per gli enti che fanno parte del CSTPU

giovedì, 09 novembre 2017

Dopo la fase di sperimentazione, da parte di un centinaio di utenti, il servizio verrà ora esteso progressivamente a tutti i nostri enti

Nella scorsa primavera il CSTPU ha lanciato la nuova infrastruttura di posta elettronica, costituita da una ventina di server che gestiscono l'invio, lo smistamento, il filtraggio antivirus e antispam di decine di migliaia di messaggi al giorno. L'infrastruttura comprende, tra l’altro, una piattaforma webmail, che si affianca ai tradizionali sistemi di gestione della posta elettronica, ed è arricchita da calendario, rubrica e altre funzionalità.

Dopo una fase iniziale in cui la piattaforma è stata usata con successo da un centinaio di utenti di vari enti del territorio, fase che ha consentito di testare la solidità della soluzione, la webmail verrà ora progressivamente estesa a tutti gli enti che ne faranno richiesta.

Il servizio webmail utilizza Horde, una delle più diffuse piattaforme open source per la gestione via web della posta elettronica. Tra l’altro, insieme alla webmail è stato reso disponibile il servizio IMAP che consente di utilizzare un normale client di posta (MS Outlook, Thunderbird, ecc.) per la gestione della posta, invece del tradizionale servizio POP3, che ha molte meno funzionalità.

Va sottolineato che il servizio di posta elettronica, inclusa la webmail, non ha costi aggiuntivi per gli enti aderenti al Centro Servizi Territoriale PU, anche grazie al fatto che è completamente basato su software open source, cioè libero da costose licenze d’uso proprietarie.

torna all'inizio del contenuto